InstantEncore
Biography
Over the centuries of artistic life of the Orchestra of the Comunale Theatre of Bologna, one date marks the beginning of its recent historical and artistic development: on February 4th, 1956 the orchestra was founded as the "Permanent Orchestra Association of Bologna". This move was significant for two important reasons: first, it was an end to the precarious condition which had plagued the group up to that point, with work contracts that guaranteed activity for only a few months a year; the second motivation was that from that date, the orchestra acquired a new professional attitude, a new way of considering its place in the realm of music that would become part of the conscience of all the musicians entering the orchestra. As in all lives, both of institutions and individuals, the Orchestra's character was formed by many fortunate circumstances, encounters and developments that evolved over time.

From as early as 1953, for almost two decades, the orchestra had a wonderful opportunity to grow in character and spirit under the masterly baton of Sergiu Celibidache. The Rumanian conductor led the Orchestra through a vast musical landscape ranging from Dvorak, Tchaikovsky, Bizet alongside Brahms and Beethoven, Haydn and his beloved Ravel and Debussy. Concerts with such internationally famous artists as Arturo Benedetti Michelangeli, Nathan Milstein and Arthur Rubinstein became frequent, and occasions for tournees outside the region multiplied. Invitations to perform outside Italy began to arrive: France, Yugoslavia, Bulgaria, Germany and Switzerland were the first of many foreign countries to host the Bologna group. Much of the merit for this consolidation of the orchestra's artistic and professional dimension must ascribe to the ability of Carlo Alberto Cappelli, director of the theatre at that time. But as in every instrumental group living most of the time in symbiosis with opera, the musicians' secret, difficult aspiration was to become a true symphonic orchestra. Help came with the arrival of conductors Eugene Jochum, Tullio Serafin, Lovro von Matacic, the young Claudio Abbado, who made his debut in Bologna in 1962, as well as Hermann Scherchen and Peter Maag. The late 1960s were memorable for the theatre's second edition of the Wagner Tetralogy, a formidable proving ground for all orchestras in the world, IMGand for the appearance on the Comunale stage of the young Israeli conductor Eliahu Inbal, winner of the Premio Cantelli, the beginning of a happy relationship that was to continue periodically for the next thirty years.

The Feste Musicali, inspired by the refined musical intelligence of Tito Gotti, opened up a new repertoire for the orchestral musicians, the preclassic period. Starting in 1966 and continuing throughout the '70s and '80s, a group of 13 string players “I Filarmonici del Teatro Comunale”, the backbone of the orchestra, took up the challenge with notable success, guided by the competent and scrupulous interpretation of Angelo Ephrikian. During the '70s two other chamber groups became prominent: the Respighi Wind Quintet and the Theatre String Quintet. These groups provided the basis for many of the theatre's activities in schools and outlying districts, answering the many requests for wider diffusion of classical music to a broader, newer public living in other towns and regions.

After Celibidache, Zoltan Pesko became the most important orchestral director in Bologna. Principal Director from 1974 to 1976, he returned frequently to conduct in Bologna throughout the '80s. As an expert and enthusiastic interpreter of twentieth century music, the Hungarian conductor put on several operas such as Prokofiev's The Fiery Angel and especially Le Grand Macabre by Ligeti that projected Bologna into the attention of the Italian musical world.

From the late '70s until 1983 the Russian conductor Vladimir Delman became the principal director of the orchestra, conferring new energy to the musical life of Bologna. He performed the complete symphonies of Tchaikovsky with the orchestra, revealing a musical temperament of great impulse and subtlety, a trait further developed and appreciated in his deeply moving interpretations of Mahler's symphonies and the Russian operas staged under his baton: Pikovaja Dama and Kovancina.

The Theatre was closed for restoration for 1980 and '81, but for its reopening two operas made their mark on the institution, Gluck's Armide conducted by Alan Curtis and Doktor Faust by Ferruccio Busoni conducted by Zoltan Pesko and directed by Werner Herzog in his first venture into opera theatre.

Beginning in 1984, Riccardo Chailly became principal director, recreating a situation similar to that of the orchestra's renaissance in 1956: a pervading sense of belonging in a creative environment with great moments of satisfaction for all. The orchestra participated in the Holland Festival in Amsterdam and at the Rossini Festival in Pesaro with important titles: Zelmira and L'Italiana in Algeri, and the orchestra made several recordings with Decca. The years from 1986 to 1993 were intensely creative for the orchestral musicians, including the third edition of the Ring cycle, with conducting divided between Riccardo Chailly and Peter Schneider. This period culminated triumphantly in 1993 with the theatre's first tournee in Japan.

From 1993 to 1997 the Theatre experienced many fruitful innovations: the overall direction of the Theatre passed from Sergio Escobar to Lanza Tommasi, who entrusted the responsibilities of the podium to two talented conductors, Gary Bertini and Christian Thielemann. With the first the Bologna opera house won the Abbiati prize assigned by Italian music critics for a highly successful production of Wozzeck. With the young German conductor Thielemann the orchestra was highly praised for several notable productions: Tristan, which received enthusiastic reviews musically but was controversial for its staging by Ruth Berghaus, and a convincing production of Janacek's Casa Makropulos.

GATTISince 1997 Daniele Gatti has led the musical production of the Theatre; this young, talented director, well versed also in Italian opera repertoire, is well known and appreciated throughout Europe and the United States. Under his direction the present-day Theatre Foundation returned to Japan in 1998 and 2002, and for the second time won the Abbiati prize with Donizetti's opera Dom Sebastien.

The orchestra and its theatre have come a long way in gaining their goal of international recognition.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

C’è una data nella plurisecolare vita artistica dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna dalla quale è inevitabile prendere avvio per delinearne a grandi linee un profilo storicamente e artisticamente attendibile, il 4 Febbraio 1956, anno nel quale la compagine bolognese si presenta come “Associazione Orchestra stabile di Bologna”. Per due ragioni in modo particolare. La prima: da quel momento ha fine il periodo di precarietà nel quale si era dibattuta l’esistenza di questo organismo, che garantiva ai suoi componenti solo qualche mese all’anno di attività strutturalmente organizzata. La seconda motivazione risiede nell’acquisizione che quella data porta con sé, di una nuova coscienza professionale, di un inedito modo di ripensare la propria arte, che si farà strada a partire da quel momento nei singoli componenti che si avvicenderanno al suo interno. Se è vero che nella vita delle Istituzioni, così come in quella delle persone, ciò che ne determina l’anima si lega anche alla fortuna delle circostanze, degli incontri, della parti_ colarità dei messaggi che ad esse pervengono, allora possiamo ben dire che questi elementi non siano certamente mancati all’Orchestra del Teatro di Bologna.

Già dal 1953, e per quasi un ventennio, il colore e lo spirito della compagine bologneseimg2 trovano nel magistero direttoriale di Sergiu Celibidache una formidabile opportunità di crescita. Il maestro rumeno vi dirige di tutto: Dvoràk, Tchaikovskji, Bizet accanto a Brahms e Beethoven, Haydn e gli amatissimi Ravel e Debussy. Si intensificano le collaborazioni con interpreti di grande fascino - Arturo Benedetti Michelangeli, Nathan Milstein, Arthur Rubinstein - e si moltiplicano le occasioni di concerti anche al di fuori dell’ambito regionale. Arrivano le prime richieste di tournée dall’estero: Francia, Jugoslavia, Bulgaria, Germania e Svizzera sono i paesi che ospitano per primi la formazione bolognese. E i meriti del consolidarsi di una nuova dimensione artistico- professionale per la compagine orchestrale sono senz’altro da ascrivere anche all’abilità con la quale Carlo Alberto Cappelli dirige in quegli anni il Teatro bolognese. Occorreva consolidare quella segreta, inconfessabile aspirazione che è depositata nel cuore di ogni organismo strumentale che vive perlopiù in simbiosi con l’opera lirica: diventare anche una vera orchestra sinfonica. Offrono aiuto in tal senso le presenze di Eugen Jochum, Tullio Serafin, Lovro von Matacic, dell’esordiente Claudio Abbado, che proprio a Bologna debutta nel 1962, di Hermann Scherchen e di Peter Maag. La fine degli anni Sessanta va ricordata in primo luogo per la seconda edizione della Tetralogia wagneriana, temibile banco di prova per tutte le orchestre del mondo e per l’apparizione sul palcoscenico del Comunale del giovane direttore israeliano Eliahu Inbal, vincitore del Premio Cantelli, con il quale prende corpo un felice connubio che periodi_ camente si alimenta fino alla fine degli anni Novanta.

Le Feste Musicali, ideate dalla fine intelligenza musicale di Tito Gotti, dischiudono ai professori d’orchestra a partire dal 1966, e per molti anni a venire, un nuovo repertorio, quello pre-classico, sul quale si cimenteranno negli anni Settanta e Ottanta con esiti assai felici i Filarmonici del Teatro Comunale, una formazione di 13 archi, costola dell’orchestra, guidati dalla competenza e dallo scrupolo interpretativo di Angelo Ephrikian. Vedono la luce nei Settanta altre due formazioni da camera: il Quintetto di fiati Respighi e il Quintetto d’archi del Teatro. Insieme, questi gruppi rappresentano gli strumenti privilegiati dei quali si servirà l’attività di produzione del Teatro, in modo particolare nelle scuole, nelle località di periferia, in sintonia con le nuove necessità rilevate dalle Regioni e dai Comuni, volte alla diffusione della cultura musicale colta presso nuovi fruitori.

Dopo Celibidache, la presenza più assidua fra i direttori d’orchestra risulta essere quella di Zoltán Peskó, direttore principale dal 1974 al 1976 e presente poi a Bologna a più riprese almeno fino agli Ottanta inoltrati. Profondo conoscitore e appassionato interprete della musica del 900, il maestro ungherese dà corpo ad alcuni titoli d’opera - l’Angelo di Fuoco di Prokof’ev e in modo particolare il Gran Macabro di Ligeti - che catalizzano su Bologna le attenzioni del mondo musicale italiano.

Tra la fine degli anni Settanta e il 1983 è Vladimir Delman ad essere chiamato, in qualità di direttore stabile dell’orchestra, ad imprimere nuovi slanci alla vita musicale bolognese. Il ciclo dell’integrale delle sinfonie di Tchaikowskji disvela al pubblico del Bibiena un temperamento musicale di grande finezza ed estrosità, che ha modo di farsi apprezzare compiutamente nelle letture sofferte delle sinfonie mahleriane e nei titoli russi da lui messi inscena: la Dama di Picche e Kovancina.

Gli anni successivi alla riapertura del Teatro, inagibile dal 1980 al 1981, regalano due titoli che segneranno nel profondo il percorso artistico del Comunale, l’Armide di Gluck per la direzione di Alan Curtis e il Doktor Faust di Ferruccio Busoni condotto da Peskó, opera con la quale Werner Herzog entra per la prima volta nel mondo del teatro lirico.

A partire dal 1984, la presenza sul podio di Riccardo Chailly in veste di direttore principaleimg1 determina il riproporsi di una situazione quasi analoga a quella che diede vita nel 1956 alla compagine orchestrale: il riaffiorare del senso di appartenenza ad un organismo capace di regalare a ciascuno le gratificazioni più autentiche. Si è presenti all’Holland Festival di Amsterdam, si portano al Rossini Opera Festival di Pesaro importanti titoli - Zelmira, l’Italiana in Algeri - e si realizzano con la Decca i momenti salienti del percorso discografico dell’orchestra. E’ per davvero un periodo denso di soddisfazioni per i musicisti quello compreso fra il 1986 e il 1993, all’interno del quale va collocata la terza edizione dell’Anello del Nibelungo, suddiviso fra la direzione di Chailly e quella di Peter Schneider. Un cammino che ha negli esiti trionfali della prima tournée in Giappone del 1993, il suo traguardo più luminoso.

Nel 1993, al termine dell’incarico di Riccardo Chailly, viene nominato Primo Direttore Ospite Christian Thielemann. Questi ottiene per l’allora Ente lirico bolognese il premio Abbiati della critica musicale italiana, assegnato per una memorabile edizione del Wozzeck di Alban Berg. Tra gli altri esiti da ricordare, il Tristano e Isotta di Richard Wagner, ed Il Caso Makropoulos di Leos Janacek.

Dal 1997 al Giugno 2007 l’orchestra ha avuto nuovamente un Direttore musicale, nella persona di Daniele Gatti, con il quale il Teatro Comunale di Bologna è tornato in Giappone nel 1998 e nel 2002, ed al quale è stato assegnato il Premio Abbiati per il Don Sebastien di Gaetano Donizetti.


This biography was most recently edited by...
sbarnebey - 29 Dec 2009
InstantEncore